Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione e utilizzo dei servizi. La navigazione del sito implica l'accettazione di questa policy

Consulente Tecnico di Parte CTP

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Non esiste esperienza più drammatica per un padre o una madre di quella in cui viene messa in dubbio la sua capacità di prendersi cura dei figli, soprattutto se questa condizione dipende dai dubbi espressi dal marito o dalla moglie durante un percorso di separazione conflittuale.

Ogni genitore vive sentimenti di inadeguatezza: il rischio è che su questa fragilità convergano la rabbia e i desideri di rivalsa che possono caratterizzare una separazione coniugale problematica, sfociando in una drammatica spirale di critiche e svalutazioni reciproche.

In un contesto di questo tipo anche solo decidere come organizzare un weekend o una visita medica per i propri figli può diventare fonte di discussioni interminabili.

I bambini rischiano quindi di divenire vittime impotenti e terreno di scontro di questa guerra.

Allo scopo di prendere decisioni coerenti e rispettose dei bisogni dei figli è possibile che il giudice nomini un Consulente Tecnico d'Ufficio (CTU), una figura professionale (spesso psicologo o psichiatra) che, grazie all'esperienza maturata in questo campo, valuti in una serie di incontri (e grazie alla somministrazione di test) la situazione famigliare e formuli di conseguenza una proposta ad hoc.

Ciascuno dei genitori, in accordo con il proprio legale, può decidere di avvalersi di un Consulente Tecnico di Parte (CTP) che lo accompagni durante il percorso di valutazione del CTU, facilitando la comunicazione tra le parti e aiutando il proprio assistito a gestire: l'ansia che può derivare dalla sensazione di "dover dimostrare a un estraneo di essere un buon genitore"; la rabbia per il fatto di sentirsi "attaccare e accusare di falsità dalla persona che amavo"; la tristezza per il "fallimento del nostro progetto familiare"; la paura di "vedermi negati i miei diritti di genitore".

Il CTP, inoltre, ha la possibilità di redigere dei commenti alla relazione conclusiva della CTU in cui esporre le proprie osservazioni in merito al percorso di consulenza, sottolineando aspetti a suo avviso rilevanti.

Affidare la CTP ad un professionista competente, psicologo o psichiatra, può risultare decisivo in una fase tanto delicata quanto quella di una separazione conflittuale, i cui esiti influenzeranno la qualità della relazione futura con i propri figli.

Per richiedere un appuntamento in cui valutare la possibilità di avviare un percorso di consulenza tecnica con il Dott. Alessandro Pace è attivo il numero 328.9549784.